La pluralità dei sentimenti e il
dolore dell’amore
Sentimenti da vivere,
emozioni da
riconoscere, da
accogliere, da
rispettare, da
placare. Sentimenti
che nella loro
universalità toccano
la vita di tutti .
Scheda
Classe / Età dei partecipanti
3° liceo linguistico / 16 anni
Obiettivi
Avvicinare i ragazzi agli autori e ai testi letterari della grande
letteratura spagnola nonché alla musica in lingua castigliana
attraverso testi che esprimono emozioni universali condensate in
poche parole.
Sviluppare un atteggiamento di solidarietà e una competenza
psicologica cercando di aiutare chi è in difficoltà.
Favorire la coesione del gruppo.
Abilità o Competenze
Area cognitiva: capacità di produrre ipotesi, dedurre, consigliare
Area linguistica: comprensione e produzione di un testo.
Area apprendimento scolastico: lettura e scrittura in lingua
straniera.
Numero allievi
23
Fase di conoscenza del gruppo
Intermedia
Prerequisiti
Gli allievi sono nuovi nello studio della letteratura spagnola e
possiedono una sufficiente conoscenza degli aspetti grammaticali
di base della lingua.
Motivazioni: interessi degli adolescenti
I sentimenti e l’amore sono preponderanti nella vita di un
adolescente e non è raro soffrirne.
Piacere di ritrovarsi con i compagni di classe in orario
extrascolastico per preparare la prova finale.
Proposte di lavoro/attività
Questionari
Discussione di gruppo
Produzione di piccole poesie
Produzione di brevi frasi in lingua (consigli)
Visione di video musicale
Ascolto canzone
Lettura di testi letterari e non in lingua spagnola.
Brani scelti
“L’invito della follia”, anonimo
“Definición del Amor”, Francisco de Quevedo
Canción de La Húngar a “Enamorada estoy”
Canción y vídeo de Rosa López “ Más allá”
“La Celestina”, Fernando de Rojas
Connessioni interdisciplinari
Letteratura italiana: Ariosto “L’Orlando furioso” in particolare
“la Pazzia di Orlando”
Letteratura inglese: Shakespeare “Romeo e Giulietta”
Materiali
Bigliettini, penne, fotocopie, canzoni, video.
Strumenti ed Attrezzature
PC, proiettore
Spazio / Ambiente
L’aula e il laboratorio linguistico-informatico.
Setting
Individuale
In coppia
Durata del lavoro
4 lezione della durata di 60 minuti ognuna.
Accorgimenti e Considerazioni
Si motiveranno i ragazzi affinché partecipino alle attività
proposte senza entrare troppo nella loro privacy.
Si disporranno i banchi in modo circolare per favorire l’unione del
gruppo.
I brani e le attività sono proposte alla classe in lingua spagnola.
Prova finale
IN GRUPPO: drammatizzazione di una o più scene dell’opera
teatrale “La Celestina” scelte dagli alunni.
Prima lezione
“L’amore è cieco”
“Sono folle d’amore per te”
“ Ti amo alla follia”
Ti sei mai chiesto perché l’amore
fosse cieco e sempre in compagnia
della follia?
L’invito della Follia
La Follia decise di invitare i suoi amici a prendere un caffè da lei.
Dopo il caffè, la Follia propose: "Si gioca a nascondino?".
"Nascondino? Che cos'è?" - domandò la Curiosità.
"Nascondino è un gioco. Io conto fino a cento e voi vi nascondete. Quando avrò terminato di contare, cercherò
e il primo che troverò sarà il prossimo a contare".
Accettarono tutti ad eccezione della Paura e della Pigrizia.
"1,2,3. - la Follia cominciò a contare.
La Fretta si nascose per prima, dove le capitò.
La Timidezza, timida come sempre, si nascose in un gruppo d'alberi. La Gioia corse in mezzo al giardino.
La Tristezza cominciò a piangere, perché non trovava un angolo adatto per nascondersi. L'Invidia si unì al
Trionfo e si nascose accanto a lui dietro un sasso. La Follia continuava a contare mentre i suoi amici si
nascondevano.
La Disperazione era disperata vedendo che la Follia era già a novantanove. "CENTO! - gridò la Follia Comincerò a cercare. La prima ad essere trovata fu la Curiosità, poiché non aveva potuto impedirsi di
uscire per vedere chi sarebbe stato il primo ad essere scoperto. Guardando da una parte, la Follia vide il
Dubbio sopra un recinto che non sapeva da quale lato si sarebbe meglio nascosto. E così di seguito scoprì la
Gioia, la Tristezza, la Timidezza.
Quando tutti erano riuniti, la Curiosità domandò: "Dov'è l'Amore?".
Nessuno l'aveva visto. La Follia cominciò a cercarlo. Cercò in cima ad una montagna, nei fiumi sotto le rocce.
Ma non trovò l'Amore. Cercando da tutte le parti, la Follia vide un rosaio, prese un pezzo di legno e cominciò
a cercare tra i rami, allorché ad un tratto sentì un grido. Era l'Amore, che gridava perché una spina gli aveva
forato un occhio. La Follia non sapeva che cosa fare. Si scusò, implorò l'Amore per avere il suo perdono e
arrivò fino a promettergli di seguirlo per sempre. L'Amore accettò le scuse.
Ancora oggi, quando si cerca l‘ Amore non lo si trova, e solo i folli si ostinano a cercarlo nonostante tutto ma
soprattutto
Oggi Amore è cieco e la Follia lo accompagna per sempre.
Dividi i sentimenti e le emozioni presenti nel racconto in
positivi e negativi
(10 min.).
Positivi
Negativi
Confronto liste in gruppo
È arrivato un bastimento carico di
… rime!
In coppia scegliete una parola o più parole tra quelle evidenziate nel racconto
e trascrivete con frasi i sentimenti che provocano dentro di voi, creando delle
rime.
Usare rime baciate: secondo lo schema AABB
Usare rime alternate: secondo lo schema ABAB
Usare rime incrociate: secondo lo schema ABBA
Ricordate che più rime possono anche formare una poesia.
Lettura delle rime da parte
degli studenti e elezione
della più bella secondo gli
alunni.
Seconda lezione
Il bacio è un segreto
sussurrato a una
bocca anziché a un
orecchio.
(E. Rostand)
Quale sentimento è rappresentato nel
quadro?
Cosa vuole dire Rostand con quella frase?
Secondo voi perché nel quadro i volti delle
due persone non sono definiti?
L’amore ha bussato alle porte del vostro
cuore?
Che cos’è per te l’amore?...
Dopo le risposte
degli alunni,
consegno ad
ognuno di loro un
fogliettino su cui
dovranno definire
la parola “Amore”.
(5 min.).
Lettura delle
definizioni
appuntando alla
lavagna i punti in
comune degli allievi e
ascoltando i loro
commenti (20min.).
Definición de Amor
Es hielo abrasador, es fuego helado,
es herida que duele y no se siente,
es un soñado bien, un mal presente,
es un breve descanso muy cansado.
Es un descuido que nos da cuidado,
un cobarde con nombre de valiente,
un andar solitario entre la gente,
un amar solamente ser amado.
Es una libertad encarcelada,
que dura hasta el postrero paroxismo;
enfermedad que crece si es curada.
Éste es el niño Amor, éste es su abismo.
¡Mirad cuál amistad tendrá con nada
el que en todo es contrario de sí mismo!
Confronto della definizione poetico-letteraria
con quella “popolare”
Questionario : domande sul testo
letterario
Che significa il verso “un andar solitario entre la gente”?
Che visione ha l’autore dell’amore?
Sei d’accordo sulla definizione che Quevedo dà dell’amore? Sì,
no, perché?
Credi che un individuo con questa visione dell’amore possa
innamorarsi?
Sottolinea tutte le coppie di sostantivo-aggettivo che ritieni
più adeguate per definire l’amore.
Commento collettivo delle risposte (10 min.).
Terza lezione
A volte l’amore
fa davvero male
e il cuore patisce
le pene
dell’inferno.
Quando? (5
min.).
Ascolto di una
canzone con
relativi esercizi
LA HUNGARA
Enamorada estoy
Enamorada estoy de su cabello negro
enamorada estoy de su piel morena
enamorada estoy de su cuerpo bonito
enamorada estoy de la noche en que pasamos
quisiera ser como el ave vuela
para poder estar siempre a su lado
poder besarlo y al mismo tiempo acariciarlo
porque yo vivo enamorada
tengo tengo tengo una pena en el alma
tengo una pena de amor
al saber que el no me quiere como lo quiero yo
con que vino este amor?
dimelo si tu lo sabes
en que frauda lo fundiste en que yunque lo forjaste?
me pongan cercas de espinas me pongan cercas de alambre
el querer que yo te tengo no me lo quita a mi nadie
murallas y mas murallas cristales y mas cristales
entre tu boca y mi boca entre el cristal de mis carnes
agua si fueras estanque
arena si fueras tierra
viento si tu fueras aire
no me importaria quemarme
estribillo
..y enamorada estoy de ti..
Dibattito
Amare senza essere amati (10 min.).
Quando l’amore fa davvero male: visione del video
ROSA LÓPEZ
MáS ALLá
Llueven los cristales, son puñales en mi piel
Me abrazas ya sin aire buscando comprender
Hoy hay luces blancas en este atardecer
Y me voy marchando sin querer
Dejare de mi, mi amor para ti
Nos quedará algún sueño por cumplir,
Coro:
Más allá despertare
Y sin este cuerpo seré la ventana de tu amanecer
Más allá te abrazare
Sin que lo sepas haré que me sientas de nuevo otra
vez
Más allá
Y lloras con la rabia de quien pierde su mitad
Y sigues con tu vida sin dejar de recordar
Buscas en el cielo la respuesta un día más
Lanzarñe una estrella, será mi señal
Dejaras de ti, tu amor
Para mí
Nos quedara algún sueño por cumplir. [Coro]
Pinta un mundo de color, hazlo pronto y por los dos
Siempre viviré en tu corazón [Coro]
Esercizio
Dopo la visione del video propongo di fare una
sintesi dell’argomento trattato e di avanzare
delle ipotesi sul perché dell’allontanamento e
sulla possibile reazione dell’innamorato.
(5 min.).
Cosa sintetizza
quest’immagine? Cosa
vuole dire?
Risp. “Un cuore
ricucito, il cuore rotto
dal dolore che cerca di
rigenerarsi”, ecc…
Si propone agli studenti
di dare dei consigli
all’innamorato affinché
possa, se non superare,
almeno metabolizzare
l’accaduto
(10 min.).
Quarta lezione
Propongo agli studenti la lettura della parte
finale de “La Celestina” in cui Melibea, venuta
a conoscenza della morte dell’amato, decide di
raggiungerlo.
Auto XXI “La Celestina”
MELIBEA. ¡Ay, dolor!
PLEBERIO. ¿Qué dolor puede ser, que yguale con ver yo el tuyo? Tu madre está sin seso en oír
tu mal; no pudo venir a verte de turbada. Esfuerça tu fuerça, abiva tu coraçón, aréziate de
manera que puedas tú conmigo yr a visitar a ella. Dime, ánima mía, la causa de tu
sentimiento.
MELIBEA. Peresció mi remedio.
PLEBERIO. Hija, mi bien amada y querida del viejo padre; por Dios no te ponga desesperación
[...]
MELIBEA. Una mortal llaga en medio del coraçón que no me consiente hablar; no es ygual a
los otros males; menester es sacarle para ser curada, que está en lo más secreto dél.
PLEBERIO. Temprano cobraste los sentimientos de la vejez. La moçedad toda suele ser plazer y
alegría, enemiga de enojo.
[...]
MELIBEA. Muchos días son passados, padre mío, que penava por mi amor un cavallero que se
llamava Calisto, el qual tú bien conosciste. Conosciste assimismo sus padres y claro linaje;
sus virtudes y bondad a todos eran manifiestas. Era tanta su pena de amor y tan poco el
lugar para hablarme, que descubrió su passión a una astuta y sagaz mujer que lamavan
Celestina. La qual, de su parte venida a mí, sacó mi secreto amor de mi pecho; descobría a
ella lo que a mi querida madre encobría.[...] Vencida de su amor, dile entrada en tu casa.
[...]a la buelta de su venida […]como las paredes eran altas, la noche scura, la scala
delgada, los sirvientes que traía no diestros en aquel género de servicio [...]no vido bien los
passos, puso el pie en vazío y cayó, y de la triste caída sus más escondidos sesos quedaron
repartidos por las piedras y paredes. [...]Su muerte conbida a la mía. […]O mi amor y señor,
Calisto, espérame; ya voy.
Si procede alla traduzione e all’inizio di un’ unità
didattica di letteratura, in cui si inizierà a
contestualizzare l’opera e l’autore, si sceglieranno le
scene più importanti e si concorderà con gli studenti
quali di queste scene dovranno drammatizzare come
prova finale (60 min.).
Inoltre, come attività conclusiva, si potrebbe proporre
agli studenti di vedere la messa in scena de La
Celestina da parte di attori professionisti.
Bibliografia e Sitografia
Petter G., “Psicologia e scuola dell’ adolescente”, Giunti, Firenze. (1999).
Per l’immagine in copertina: quadro di Caspar David Friedrich:
http://www.virgilioweb.it/blog/romantik.htm
Per “L’invito della Follia”: http://dolceamara.altervista.org/Tales/Fool.htm
Per Il Bacio di E. Munch: http://dunkel87.wordpress.com/2006/12/12/munch/
Per la frase di E. Rostand: www.baciperugina.it
Per la poesia “Definición de amor”: http://www.poemas-del-alma.com/definicion-del-amor.htm
Per il testo della canzone “Enamorada estoy” di La Húngara:
http://www.planetadeletras.com/index.php?m=s&lid=74478
Per il testo della canzone “Más allá” di Rosa López: http://www.quedeletras.com/letra-cancion-mas-allabajar-57952/disco-me-siento-viva/rosa-lopez-mas-alla.html
Per le canzoni e il video: scaricate con Emule
Per il testo de “La Celestina” : http://www.analitica.com/bitblio/frojas/celestina.asp (testo completo)
Traduzione de “La Celestina” a cura di Viviana Brichetti, opera pubblicata in italiano della Garzanti.
Traduzione degli altri testi a cura di Sergio Villacaro
Per le varie immagini: clipArt del pc.
Descargar

La pluralità dei sentimenti e il dolore dell`amore